© teximpianti spa 2005 - 2017
Home Page - Teximpianti

La produzione

I Filati di vetro
La produzione standard dei tessuti prodotti dalla Teximpianti prevede essenzialmente l’impiego di filati di vetro E, filati di carbonio e di aramidica.


Le Tabelle 1, 2, 3 e 4  illustrano rispettivamente la composizione dei vari tipi di vetro e le caratteristiche fondamentali dei filamenti elementari ottenuti.
Questi filamenti elementari (aventi diametro di 5 ÷ 13 micron) opportunamente apprettati e fra loro riuniti in un certo numero (minimo 50) danno luogo al filato vero e proprio che si caratterizza anzitutto per il suo titolo in TEX (grammi per mille metri di filato) ma anche per la natura dell’appretto, per la sua struttura ad uno o più capi (ritorti fra loro) e per eventuali trattamenti come la testurizzazione e la cardatura. La gamma di titoli disponibili è molto ampia, a partire da 2,8 TEX fino ad oltre 2000 TEX.

I Tessuti
I tessuti si differenziano fra loro per alcuni elementi fondamentali che ne determinano la scelta all’impiego in funzione delle varie esigenze.


- La composizione definisce il numero di fili al cm., sia in ordito che in trama unitamente al titolo dei filati utilizzati nei due sensi.


- Il peso in grammi per mq deriva direttamente dalla composizione. La Teximpianti produce tessuti di vetro con pesi variabili da un minimo di 20 gr/mq fino ad oltre 1000 gr/mq.


- L’armatura, cioè il modo di realizzare l’intreccio ordito/trama, può differenziare sensibilmente tessuti dello stesso peso e composizione sotto l’aspetto dello spessore, della deformabilità, della planarità oltre che delle caratteristiche meccaniche e in particolare del carico di rottura. (Vedere tabella Armature principali).


- Lo spessore del tessuto dipende quindi da composizione, peso e armatura, la gamma Teximpianti include tessuti da 0,02 mm fino a circa 1 mm.


- Il finissaggio è un’operazione frequentemente richiesta prima dell’impiego del tessuto di vetro. I nostri tessuti infatti vengono perlopiù utilizzati come rinforzi di matrici resinose e bituminose.
Questo trattamento ha proprio il compito di predisporre il tessuto al legame migliore possibile con il materiale d’accoppiamento e risulta pertanto un elemento di primaria importanza nella scelta del tessuto da impiegare. I tessuti di carbonio sono del tipo ad appretto diretto per cui non hanno bisogno di finissaggio; i tessuti di aramidica, su richiesta specifica, possono subire un trattamento di lavaggio per eliminare l’appretto tessile che può pregiudicare il legame resina/fibra.


- Il carico di rottura del tessuto greggio dipende da composizione, peso e armatura.
Quando il tessuto subisce un trattamento di disapprettatura seguito da finissaggio si verifica una perdita di resistenza a trazione che va quantificata caso per caso

produzione 1
produzione 2
produzione 3
produzione 5
produzione 6